la gestione del territorio

la gestione del territorio

giovedì 26 agosto 2010

Isola delle Femmine Consiglio Comunale 22 febbraio 2010 PRG BBuono No BBBuono?




COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo
Ufficio del Presidente del Consiglio
Prot. n° 2274 Lì 15 febbraio 2010
OGGETTO: Convocazione Consiglio Comunale ai sensi dell’art. 125, comma 5, del testo
coordinato dal vigente ordinamento degli Enti Locali.
Ai Signori Consiglieri Comunali
Al Signor Sindaco
Ai Signori Assessori
Al Segretario Comunale
Al Responsabile del Settore Tecnico
Arch. Sandro D’Arpa
Albo Pretorio
SEDE
Al Comando di P. M.
SEDE
Alla Locale Stazione dei Carabinieri
ISOLA DELLE FEMMINE
All’Assessorato Regionale alla Famiglia,
Alle Politiche Sociali, alle Autonomie Locali
Via Trinacria PALERMO
Alla Prefettura U.T.G. PALERMO
Le SS.LL., nella qualità, sono invitate a partecipare alla seduta del Consiglio Comunale convocata, ai sensi dell’art. 14 comma 5 del Regolamento del Consiglio Comunale ed ai sensi dell’art. 215, comma 5 del testo coordinato dal vigente Ordinamento Enti Locali, giusta determina presidenziale n°03 in data odierna, presso la sala “Padre Bagliesi”, sita nei locali comunali di Via Palermo, il giorno 22 febbraio 2010, alle ore 18,00 per la trattazione del seguente argomento:
1. Lettura ed approvazione verbali della seduta precedente;
2. Variante al P.R.G. adottato con D.C.C. n°33/2007 –Modifica agli artt. 58 del Regolamento edilizio e all’art.1 delle norme di attuazione.
3. Variante al P.R.G. adottato con D.A. n°83 del 14/05/1977 –Modifica all’art. 28 del Regolamento edilizio.
4. Variante al P.R.G. adottato con D.C.C. n°33/2007 – Rettifica dei confini territoriali rappresentati nella cartografia del PRG.
Si avverte che ai sensi dell’art. 30 della L.R. 3 Giugno 1986, n.9, come sostituito dall’art. 21 della L.R. n.26/93, la mancanza del numero legale degli intervenuti comporta la sospensione di un’ora della seduta.
Se alla ripresa dei lavori non venisse raggiunto, o dovesse venire meno, il numero legale, la seduta verrà rinviata al giorno successivo alla stessa ora e con il medesimo ordine del giorno senza ulteriore avviso di convocazione.
Distinti Saluti.
Il Presidente del Consiglio Comunale
Rag. Alessandro Giucastro
B. Procedura di approvazione dello strumento
I - Delibera consiliare di adozione dello strumento urbanistico. La procedura di approvazione del PRG ha inizio tramite l'adozione di una delibera consiliare con la quale il progetto di piano viene assunto dall'amministrazione comunale. La delibera consiliare, oltreché contenere la verbalizzazione della discussione, deve altresì contenere il mandato al sindaco perché disponga in ordine alla pubblicazione del piano adottato entro un preciso termine, stabilendo in particolare il luogo del deposito degli elaborati, l'orario per il pubblico, le modalità per il rilascio di copie. Tale deliberazione deve essere poi sottoposta all'approvazione della sezione provinciale del Comitato regionale di controllo, la quale potrà chiedere tutti gli elementi di giudizio che appaiano indispensabili per accertare la convenienza del piano medesimo, non soltanto nei riflessi finanziari ma anche in relazione alle limitazioni troppo onerose che eventualmente vengano a ricadere sugli interessi pubblici. L'adozione del PRG è un elemento costitutivo del procedimento attraverso il quale il piano si forma e pertanto non vi è dubbio che nel caso in cui la delibera di adozione di un piano venga annullata, l'intero piano perde efficacia in quanto carente di una parte essenziale dello stesso.Accade spesso che, nella successione delle amministrazioni che governano il Comune, quella successiva intenda revocare la delibera di adozione presa da quella precedente: è bene ricordare che tale possibilità si ha solo sino a quando il piano non sia stato approvato dalla regione, dal momento che successivamente all'approvazione, la deliberazione di adozione si fonde con il provvedimento regionale per dar vita ad un provvedimento complesso ed autonomo.
ADOZIONE P.R.G. PRG 30.10.09
P.R.G. - ADOTTATO (Delibera di Consiglio Comunale n°33 del 2007) Regolamento Edilizio

CAP. III
Caratteristiche dei locali per l’abitabilità’ o l’agibilità’

Art. 58.-Classificazione dei locali

Sono locali abitabili o agibili quelli in cui si svolge la vita familiare, lavorativa e sociale degli individui, indipendentemente dalle caratteristiche costruttive che li configurano come locali permanenti o precari. I locali sono suddivisi ai fini del presente Regolamento, nelle due categorie: L’A1,’ e»A2,’.

La categoria «A1» comprende:
a) soggiorni, sale da pranzo, cucine e camere da letto posti in edifici di abitazione sia individuale che collettiva; b) alloggi monostanza; c) uffici, studi professionali, sale di lettura, gabinetti medici.
La categoria «A2» comprende:

d) negozi di vendita, sale di esposizione, sale di riunione, sale da giuoco, palestre, sale da spettacolo; e) laboratori scientifico – tecnici, servizi igienici di edifici di cura e ospedalieri; f) officine meccaniche, laboratori industriali di montaggio o relativi ad attività di lavoro, cucine collettive; g) posti di autorimesse non destinate al solo posteggio degli autoveicoli ma anche a riparazioni, lavaggi, controlli, vendite; h) magazzini, depositi ed archivi dove la permanenza delle persone è prolungata oltre le operazioni di carico, scarico e pulizia.

Sono locali accessori quelli in cui la permanenza delle persone è limitata a ben definite operazioni.
Tali locali sono suddivisi, ai fini del presente Regolamento, nelle tre categorie: “S1”, “S2” ed “S3”.
I1 tipo “S1” comprende i servizi igienici ed i bagni degli edifici di abitazione individuale o collettiva, dei complessi scolastici e di lavoro.

I1 tipo “S2” comprende:

a) scale che collegano più di due piani; b) corridoi e disimpegni comunicanti quando superano i mq 12 di superficie o ml 8 di lunghezza; c) magazzini e depositi in genere, laboratori; d) autorimesse di solo posteggio; e) locali di macchinari che necessitano di solo avviamento o di scarsa sorveglianza; f) lavanderia e stenditoi; g) stalle, scuderie, porcili, etc e locali con analoghe destinazioni d’uso.

Il tipo “S3” comprende:

h) disimpegni inferiori a mq 12;
i) ripostigli o magazzini inferiori a mq 5;
j) vani scale colleganti solo due piani;
k) locali macchine con funzionamento automatico.

I locali non espressamente elencati vengono classificati per analogia dal responsabile dell’ U.T.C.
Norme di Attuazione del Piano regolatore Generale
ART. 1
DEFINIZIONI

1) Ambito di intervento (Ai)

Si intende per ambito di intervento un territorio nel quale l’attuazione del Piano Regolatore Generale richiede un intervento urbanistico unitario, preliminare agli interventi edilizi.

L’ambito di intervento è la superficie territoriale entro la quale si può operare in base alle direttive della circolare Assessorato Territorio e Ambiente n. 2/79 del 3 febbraio 1979 per iniziativa privata o entro cui si può operare con piani attuativi di iniziativa pubblica.

la) Comparto edilizio (art. 11 della L.R. 27 dicembre 1978, n. 7)

Comparto edilizio è l’area di intervento individuata (dall’Amministrazione o su richiesta dei privati interessati, nei modi previsti dalla legge) nelle zone soggette ad interventi di conservazione, risanamento, ricostruzione e migliore utilizzazione del patrimonio edilizio secondo le previsioni del Piano Regolatore Generale e del piano di recupero di cui al Tit. IV della legge 5 agosto 1978, n. 457, al fine di assicurare il rispetto di esigenze unitarie nella realizzazione degli interventi, nonché un’equa ripartizione degli oneri e dei benefici tra i proprietari interessati.
Articolo 11 L.R. 7/78

Art. 11
Formazione dei comparti.

Nelle zone soggette ad interventi di conservazione, risanamento, ricostruzione e migliore utilizzazione del patrimonio edilizio secondo le prescrizioni degli strumenti urbanistici generali o particolareggiati, ovvero dei piani di recupero di cui al titolo IV della legge 5 agosto 1978, n. 457, al fine di assicurare il rispetto di esigenze unitarie nella realizzazione degli interventi, nonché una equa ripartizione degli oneri e dei benefici tra i proprietari interessati, i comuni, con delibera consiliare, possono disporre di ufficio o su richiesta dei proprietari in numero idoneo a costituire il consorzio, ai sensi del comma successivo, la formazione di comparti che includano uno o più edifici e/ o aree inedificate.
Formato il comparto, il sindaco deve invitare i proprietari a dichiarare, entro un termine fissato nell'atto di notifica, se intendano procedere da soli, se proprietari dell'intero comparto, o riuniti in consorzio, all'attuazione delle previsioni contenute nello strumento urbanistico.
A costituire il consorzio basterà il concorso dei proprietari rappresentanti, in base all'imponibile catastale, la maggioranza assoluta del valore dell'intero comparto. I consorzi così costituiti conseguiranno la piena disponibilità del comparto mediante l'espropriazione delle aree e delle costruzioni dei proprietari non aderenti (si omette la parte finale del presente comma in quanto impugnata, ai sensi dell'art. 28 dello Statuto, dal Commissario dello Stato per la Regione siciliana).
Quando sia decorso inutilmente il termine stabilito nell'atto di notifica, il comune procederà
all'espropriazione del comparto a norma della legge 22 ottobre 1971, n. 865 e successive modifiche ed integrazioni. (26)

La deliberazione consiliare con cui si dispone la formazione del comparto equivale a dichiarazione di pubblica utilità e di indifferibilità e urgenza.
Per l'assegnazione del comparto il comune procederà a mezzo gara.
------------------------
(26) Si omette il quinto comma, non promulgato in quanto impugnato - ai sensi dell'art. 28 dello Statuto - dal Commissario dello Stato per la Regione siciliana e dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla Corte Costituzionale con sentenza 15 febbraio 1980, n. 13.
http://www.unisi.it/did/dip-direcon/Dirpaesaggio/Sicilia%20l.r.%2027-12-1978.pdf






IN SCADENZA


In un lontano vicino presente passato futuro si prospettava e si rende urgente, facciamo il punto?:
Commissione edilizia 8.9.2006
1)Rubino Anna prat 34/05 prot 9219 10.8.05 Richiesta C.E. per la costruzione di una villetta bifamiliare a due elevazioni fuori terra oltre piano cantinato da sorgere in Corso Italia
2)Spanò Giuseppe e Salvatore prat 39/05 prot 10660 27.9.05 SOSPESA Richiesta C.E. per il frazionamento di un immobile sito in C/da Torre Via Vespucci
3)Bruno Francesco Pietro Giovanna prat. 10/06 prot 3791 10.3.06 Richiesta C.E. per ristrutturazione e frazionamento immobile Via palermo
4)Tribunale Civile e Penale di Palermo prat 12/6 prot 7407 30.5.06 Progetto per il miglioramento sismico della porzione residua dell’immobile sito in Via dei Pini
5)Elauto s.r.l. 1° prat 13/6 prot 7527 1.6.06 Progetto per la realizzazione di una concessionaria B.M.W.
6)Enea Francesco part 15/6 prot 7947 12.6.06 Richiesta C.E. per il cambio d’uso da magazzino a civile abitazione del piano terra e sopraelevazione dei piani 1 e 2 immobile Via Michelangelo
7)Tavoletta Salvatore Frisina Domenica prat 8/5 prot 2161 16.2.05 INTEGRATA Richiesta C.E. per la realizzazione di una villa unifamiliare in p.ggio delle Rose
8)Giambona Giuseppa prat 19/6 prot 9882 2.8.06 Richiesta C.E. per la costruzione di una villetta unifamiliare nel lotto di terreno sito in Via Rocco Chinnici
9)Ferante Giuseppe prat 20/6 pro 9903 2.8.06 Richiesta di C.E. per la realizzazione di una villetta unifamiliare al completamento del corpo “A” sito in Corso Italia
10)Cardinale ed altri prat 21/6 prot 9905 2.8.06 Piano di lottizzazione “Cardinale ed altri”
11)Enea Francesco prat 22/06 prot 10158 10.8.06 Richiesta di C.E. per cambio destinazione d’uso del piano terra, da magazzino a civile abitazione, immobile sito in Via Michelangelo 21
12)Riso Maria Rosaria Ant Salvatore Intravia Conc Riso Vincenzo prat 23/6 prot10690 30.8.06 Richiesta di C.E. per il frazionamento unità immobiliare sita in via Mazzini 45
EX ARTICOLO 13 L. 47/85
1)Ferrante Francesca Laura Bruno Cosimo prat 37/5 pro 10365 19.9.05 Richiesta C.e. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per la realizzazione di 3 loculi
2)Lombino Giovanna Sacullo Rito prat 38/5 prot 10467 27.9.05 Richiesta C.e. ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per le opere realizzate in difformità alla C.E. 15/3
3)Prestipino Pietro prat 8/6 prot 3449 6.3.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 Lç 47/85 per opere abusive Via Volta
4)Di Giovanni Salvatore prat 9/6 prot 3598 8.3.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per opere abusive in Viale dei Pini
5)Bellis Ernesta prat 14/6 prot 7869 6.6.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per la realizzazione di alcuni corpi di fabbrica in Viale Saraceni
6)Di Grigoli Francesca prat 16/6 prot 8141 16.6.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per la realizzazione di una tettoia in legno, la chiusura e successiva apertura di un vano porta e realizzazione di una scala di collegamento immobile sito in via Trapani 5
7)Gulì Vincenzo prat 17/6 prot 9487 19.7.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 relativa ad un fabbricato sito in Isola delle Femmine Via Vespucci (ex Via dei Villini)
8)Sirenetta Holidays S.r.l. prat 18/6 prot 9784 28.7.06 Richiesta di C.E. in sanatoria ai sensi dell’art 13 L. 47/85 per le opere realizzate in difformità della C.E. 33/93 25/99 16/2000.
ELENCO VARIANTI
1)Riccobono Pietro prat 7/5 prot 2015 16.2.05 Variante in corso d’opera di cui alla C.E. 22/3 SOSPESA
2)Scrivano Rino prat 4/6 prot 1657 2.2.06 Richiesta di variante in corso d’opera alla C.E. n 15/5
TOMBE
1)Cardinale Orazio prat 11/6 prot 7375 30.5.06 Progetto per la costruzione del tipo A Lotto 36/A
IL RESPONSABILE DEL II SETTORE ARCH SANDRO D’ARPAIL SINDACO GASPARE PORTOBELLOELENCO PRATICHE EDILIZIE
OGGETTO ORDINE DEL GIORNO PER LA SEDUTA DELLA C.E.C. DEL 6.6.07
1)pratica edilizia 34/05 Rubino Anna prot 8731 26.7.05 (integrata 28.12.05) Richiesta C.E. per la realizzazione di un edificio per civile abitazione oltre piano cantinato lotto A plani volumetrico Scalici.
2)pratica edilizia 12/06 Tribunale Civile e penale di palermo prot 7407 30.5.06 (Di Maio vs Billeci Gambino) istanza 30.5.06 progetto di ampliamento sismico della porzione residua immobile sito in Via dei Pini 11.
3)pratica edilizia 21/06 Cardinale ed altri prot 9905 2.8.06 Piano di lottizzazione “Cardinale ed altri” ricadente in parte in zona “C2” residenza stagionale fg 1 particelle 379,927,935, 041, 15, 1491, 1492, 1493, 1494, 17, 1486, 1487, 1488, 1489, 16, 14, 1073, 1074, 1075.
4)pratica edilizia 37/06 prot 15255 Richieta C.E. per la realizzazione di una tomba gentilizia lotto 103-bis.
5)pratica edilizia 2.2007 Cutino Domenica istanza 4.1.07 prot 140 richiesta C.E. per la sopraelevazione di piani I e II di un edificio sito in via Falcone 12.
6)pratica edilizia 3.07 Lo Bello Silvana istanza 8.1.07 prot 304 richiesta ce per il frazionamento dell’u.i. di piano 1° di via Montinaro 1.
7) pratica edilizia 4.07 Pietro Riso istanza 10.1.07 prot 421 Richiesta CE per la sopraelevazione dell’immobile di via Roma 207 ed accorpamento con l’immobile adiacente.
8)pratica edilizia 5.07 Multimedia S.r.l. istanza 6.2.07 prot 1741 Richiesta di CE per l’ampliamento di un complesso industriale consistente nella realizzazione di una palazzina uffici.
9)pratica edilizia 6.07 Lo Bianco Agostino istanza 6.3.07 prot 2929 Richieta CE per la realizzazione di quattro villette a schiera fg. 3 part 1909.
10)pratica edilizia 7.07 Giambona daniela istanza 8.3.07 prot 3077 Richiesta CE per la ristrutturazione e l’ampliamento dell’immobile sito in via Cutino 31/33 angolo via Quattro Novembre.
11)pratica edilizia 8.07 Taormina Antonia Giovanna ed altri istanza 29.03.07 prot 3975 Richiesta CE per il completamento e variante inerente il villino bifamigliare denominato corpo A via Libertà.
12)pratica edilizia 9.07 Taormina Antonia Giovanna ed altri istanza 29.03.07 prot 3978 Richiesta CE per il completamento e variante inerente il villino bifamigliare denominato corpo B via Libertà.
13)pratica edilizia 10.07 Taormina Antonia Giovanna ed altri istanza 29.03.07 prot 3980 Richiesta CE per il completamento e variante inerente il villino bifamigliare denominato corpo C via Libertà.
14)pratica edilizia 11.07 Taormina Antonia Giovanna ed altri istanza 29.03.07 prot 3981 Richiesta CE per il completamento e variante inerente il villino bifamigliare denominato corpo D via Libertà.
15)pratica edilizia 12.07 Immobiliare Calliope S.r.l. istanza 03.0407 prot 3981 Progetto di variante ai sensi dell’art 15 L 47/85 relativo a n 9 corpi di fabbrica denominati A, B, C, D, E, F, G, H, I per complessivi 50 alloggi per civile abitazione impresa Immobiliare Calliope
16)pratica edilizia 13.07 Lucido Erasmo Lucido Domenico istanza 06.0407 prot 4211 Progetto per la sopraelevazione del secondo piano di un fabbricato per civile abitazione a due piani f.t. sito in via A.Volta 25.
17)pratica edilizia 14.07 Lucido Giuseppe prot 4212 6.4.07 Progetto per la ristrutturazione del p.t. e sopraelevazione di primo piano e secondo piano di una casa in Via Romeo 51.
18)pratica edilizia 15.07 Enea Orazio prot 4605 17.4.07 Progetto per la realizzazione di una casa rurale da sorgere in via delle Industrie su un lotto censito al fg 2 particelle 116, 913, 915.
NON POTEVA DI CERTO MANCARE IL FAMOSO Art. 13
1)Pratica edilizia 24.06 Mannino Francesco prot 7204 25.5.07 Realizzazione di una struttura precaria al piano secondo di un edificio per civile abitazione in territorio di isola delle Femmine via Cutino 9.
2)pratica edilizia Sirenetta Hollidays progetto in sanatoria






PIANO LEVANTE

15 LUGLIO 2008 M.A.M. s.n.c. di Costanzo Marilla, Lucido Antonella e Bruno Maria richiesta licenza edilizia (protocollo del Comune 9040) per installazione di chioschi da adibire a pizzeria. bar birreria e... nella villa comunale di piano levante di isola delle Femmine. Progettista il geom Vicenzo Dionisi Vice Presidente del Consiglio Comunale di Isola delle Femmine.
La legge 3/8/1999 n. 265, all'art. 19 - attuale co. 3 dell'art.78 del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali approvato con D.Lgs. 267/2000 - relativamente alle condizioni giuridiche degli amministratori locali, stabilisce che " I componenti la giunta comunale competenti in materia di urbanistica, di edilizia e di lavori pubblici devono astenersi dall'esercitare attività professionale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio da essi amministrato."IL comma 3 dell'art. 78 del D.Leg. 267/2000 il quale espressamente prevede che "I componenti la giunta comunale… devono astenersi dall'esercitare attività professionale..".
Obbligo di astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o di parenti o affini sino al quarto grado fatti salvi i provvedimenti normativi o di carattere generale.
Il dovere di optare tra carica pubblica e libera professione per i componenti la Giunta comunale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio amministrato e competenti, ovvero delegati, in materia di edilizia, urbanistica e lavori pubblici, anche se non è prevista alcuna sanzione di decadenza, è comunque previsto, che il soggetto inadempiente ne risponda, normalmente, con la sanzione della decadenza ed anche, eventualmente, a titolo di responsabilità penale qualora si concretizzi, nella violazione dell'obbligo, gli elementi oggettivi e soggettivi più gravi del reato di abuso di ufficio.
a dimostrazione che le proposte hanno delle precise "finalità":
Stralcio di una licenza edilizia:

VISTO il parere favorevole della C.E.C., espresso in data 15/10/2009, a condizione che i portici (chiusi per i due lati) vengano riproposti in modo tale da non costituire volume;



Ø ABUSIVISMO EDILIZIO: Ordinanza AIELLO EMILIA
Ø ADOZIONE P.R.G. PRG 30.10.09
Ø Circolare 2/79 3 Febbraio 1979 Assessorato Territorio Ambiente Sicilia
Ø Circolare 2/79 3 Febbraio 1979 Assessorato Territorio Ambiente Sicilia
Ø Commissione Edilizia Comune Isola delle Femmine
Ø Commissione Edilizie Comunali Compiti e Competenze
Ø Comuni Inquinamento mafioso affaristico
Ø EDILIZIA SENTENZE ABUSIVISMO LICENZE CONDONI ORDINANZE
Ø LA CALLIOPE E GLI APPARTAMENTI
Ø La storia infinita del PRG di Isola delle femmine 1
Ø La storia infinita del PRG di Isola delle Femmine 2
Ø Licenza Edilizia Riso Rosaria 26 Novembre 09 Dionisi Vincenzo
Ø Mafia e Dintorni
Ø Norme di Attuazione D.A. 121/1983
Ø Norme di Attuazione D.A. 83/1977 PRG 83/77
Ø Norme emendate; PRG Del 33/07
Ø Norme Esecuzione PIANI PARTICOLAREGGIATI D.A.121/1983
Ø P.R.G. ISOLA ADOTTATO TAVOLE
Ø PIANO REGOLATORE GENERALE VISUALIZZAZIONE EMENDAMENTI
Ø P.R.G. TAV 2,6 CONSISTENZA AREE LIBERE LOTTIZZAZIONI
Ø P.R.G. Isola delle Femmine Tavola 3 D.A. 83 1977
Ø PRG 1977 Isola delle Femmine Tavola B D E
Ø P.R.G. ISOLA DELLE FEMMINE TAVOLA C
Ø P.R.G. ISOLA DELLE FEMMINE TAVOLA L
Ø RICHIESTA ASSESSORATO DEROGA VINCOLO 150 METRI
Ø Piano Regolatore Generale Isola delle Femmine
Ø Regolamento Edilizio emendato PRG Del 33/07
Ø Regolamento Edilizio PRG 83/77
Ø Relazione Definitiva; PRG Del 33/07
Ø Solo gli STOLTI non cambiano idea
Ø T.A.R.
Ø Tavole. PRG Del 33/07
Ø Ufficio Tecnico Comunale Isola delle Femmine
Ø ULTIMISSIME
Ø Variante Fascia Litoranea D.A. 585/1991
Maxisequestro tra cui appartamento a Isola delle Femmine
Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori
ROS sequestrano 15 milioni di beni ai mafiosi tra Palermo Cinisi Carini Isola delle Femmine
Licenza Edilizia 1 del 2010 Lucido Coniglio Puglisi Baldassare
Licenza Edilizia Riso Rosaria 26 Novembre 09 Dionisi Vincenzo
Licenze Edilizie Crivello Crivello Costanzo Sorelle Pomiero Progettista geom Impastato Giovanni Amministratore
P.R.G. e Comparto 1 di Isola delle Femmine
P.R.G. Isola delle Femmine e i compromessi
P.r.g. Isola delle Femmine
Elauto ufficio tecnico comunale prg parcheggio pubblico
ELAUTO variante in corso d'opera
Concessione Edilizia in variante n 4 23.2.2010 Signor Ardizzone Giorgio
M.A.M. s.n.c. PALazzotto Pizzerie verde e Isola ecologiche
Solemar Consorzio Turistico Siciliano
LA CALLIOPE E GLI APPARTAMENTI
Hotel Saracen Isola Ufficio Tecnico Comunale e………..
in questi ultimi mesi sento parlare con sempre piu' insistenza che ...
Isola delle Femmine l'isola felice del Sindaco Portobello
prg fasone calliope raddoppio ferroviario la paloma riepilogo ...
Ordinanza Sindacale affidamento Raccolta Rifiuti ditta AL.TA. s.r.l.
Mafia e Dintorni
Tutela e miglioramento qualità ambiente servizio idrico integrato 2007 2013
LEGGE 15 luglio 2009, n. 94 Disposizioni in materia di sicurezza pubblica. (09G0096) (Suppl. Ordinario n. 128)
5 aprile 2010 Manifestazione a Isola delle Femmine



*Un milione per la casa inquinata dal cementifico
*Isola delle Femmine Sequestrato cantiere edile
*Mangiardi Enrico Licenza Edilizia in sanatoria n 18/2010
*DIONISI CUTINO I PACCHI DELL'AMBIENTALISTA rosso-verde-arancione

*Dionisi Cutino PALazzotto M.A.M. s.n.c. Pizzerie Birrerie e Isole Ecologiche

*Dionisi Via Volturno angolo Via Garibaldi
*Dionisi Fonda il Movimento “Servire il Paese” Politica e non Affari (in attesa delle elezioni 2009?)
*Via Libertà Dionisi: "Ecco le foto aereografiche la piscina
*Dionisi PRG Progetto ed Elezioni
*Animale avvistato in Via Siino
*TACO LOCO Viale dei Saraceni 59

*Via Martin L. King Isola delle Femmine
*Via martin L. King Portobello Callea Costantino Parco Giochi Piscina

*Aiello Rubino il Verde Attrezzato e la Villa in Viale Italia
*ELAUTO variante in corso d'opera
*DUNE e ripascimento della spiaggia di Isola delle Femmine
*Dune Isola Delle Femmine Decreto Ministero finanziamento
*Panoramica Fotografica COMPARTO 1 Viale della Torre Isola delle Femmine
*Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori D’Arpa Sandro
*D’Arpa Sandro
*D'Arpa Sandro
*D'Arpa Sandro
*Aiello F.P. Portobello Faraci Sicileas Saracen Impastato D’arpa Lo Monaco Immordino TAR Finanziaria Immobiliare
*Saracen, S.I.S. Via Libertà, Vassallo
*SICILEAS FIN IMM FARACI PORTOBELLO U.T.C. 27 giugno/10
*PALmuto Via Palermo Isola delle Femmine
*Ardizzone Via Vittorio Pozzo 19
*AREA LIBERA Passaggio delle Mimose angolo Via Libertà
*Aree Libere Via Garibaldi Via Baglìesi Via Mattarella Ospedaletto
*Aree Libere Via Garibaldi angolo Via Siino confinante con Via Falcone
*Rubino Anna Aiello Viale Italia Dionisi Via Sciascia Verde Attrezzato
*Aiello Rubino Panoramica Fotografica Aerea Viale Italia Isola delle Femmine
*ABUSIVISMO EDILIZIO ordinanze: "Assessore" Aiello Paolo, Candidato Rappa Rosario, Puccio Giuseppe............
*Isola delle Femmine Consiglio Comunale 22 febbraio 2010 PRG BBuono No BBBuono?


segnala!
L'EVASORE DELLA TUA ZONA ANONIMAMENTEè facile (anche da telefonino!)

Nessun commento:

Posta un commento